Concerti, si ricomincia?

di Diego Perugini

Concerti, si ricomincia? La macchina del live prova a ripartire. Qui la locandina del nuovo tour di Diodato, ultimo vincitore del festival di Sanremo con "Fai rumore".
Il nuovo tour di Diodato

C’è tanta voglia di live. Me lo dicono gli artisti che intervisto, lo sento nel contatto (più o meno) diretto con la gente, colleghi inclusi. E, allora, a piccoli passi e con le dovute cautele, si prova a ripartire. Giorno dopo giorno la lista di chi quest’estate tornerà a calcare un palco si allunga: Diodato, Gazzè, Vasco Brondi, Silvestri, Fabi, Bugo, Dente, Gualazzi, Cristina Donà, Irene Grandi, Nek, Gabbani sono i primi che mi vengono in mente. Li spingono motivazioni umane, artistiche ed economiche. Poche date in posti circoscritti e a ranghi ridotti, magari, ma è già qualcosa.

Si comincia a muovere anche la macchina dei festival: confermati, tra gli altri, Tones of the Stones, Santarcangelo, Occit’amo, Estate Sforzesca, Cinzella, Indiegeno e Time in Jazz. Certo, si naviga a vista e la normalità degli affollati live nei palazzetti e negli stadi è lontana assai: se ne riparla nel 2021, se tutto andrà bene. Ma, intanto, conviene vedere il classico bicchiere mezzo pieno. E, magari, partecipare allo spettacolone gratis di venerdì 2 al Cortile delle Armi di Milano, organizzato da Slow Club. Titolo emblematico: “Tutti fuori dalla rete, finalmente dal vivo”. Ci saranno Mussida, Andy dei Bluvertigo, Saturnino, Pino Scotto e molti altri.

Purtroppo tocca anche segnalare delle tristi note. Sempre a Milano, dopo la chiusura del circolo Ohibò anche il Serraglio si arrende. Un piccolo locale vivace e alternativo, che non è riuscito ad andare avanti. Su Facebook saluta tutti con un messaggio semplice e struggente. E un invito al pubblico, polemico ma non troppo, a essere curioso, a riscoprire la vera musica e a vivere i club, dimenticando gli hype del momento, i like virtuali e l’illusorietà dei social.

Alla dolente lista si aggiunge ora il nome di un altro storico club meneghino, la Blueshouse, costretta a chiudere i battenti causa emergenza pandemia. Sigh.

Sanremo 2020, vince Diodato!

di Diego Perugini

Vince Diodato. E meno male. Evidentemente il mio endorsement in tempi non sospetti ha portato bene. Vince un bravo artista, che ha seguito un percorso di crescita lento ma coerente. E che ora ne raccoglie i frutti.

E vince la canzone migliore, “Fai rumore”, una emozionante ballata che mescola pop d’autore e sonorità internazionali, coi vecchi Radiohead nel cuore. Poi Diodato canta bene, anzi benissimo, arriva in alto e tocca le corde dell’anima. Racconta una storia d’amore che diventa manifesto universale della necessità di rompere le barriere dell’incomunicabilità, del parlarsi, del “fare rumore”. Del confronto anziché dello scontro, ancora più necessario in questi tempi difficili, di odio e di urla.

Un tema affine a quello cantato da Francesco Gabbani in “Viceversa”, secondo arrivato. Si parte sempre da una storia di coppia, in cui è necessaria la reciprocità, un dare e avere, un “viceversa”, appunto. Sentimenti che è necessario estendere a tutti i rapporti, anche quelli più quotidiani, vincendo l’individualismo sfrenato dei nostri giorni. Chiamatelo altruismo, empatia, condivisione o, più semplicemente, umanità.

Il tutto sul filo di una canzone pop lieve e delicata, meno estroversa dei tormentoni del passato ma ugualmente orecchiabile. Piccolo particolare: dopo due vittorie, al terzo Sanremo l’artista toscano arriva secondo. Non è da tutti, segno che sa intercettare i gusti e il sentire della gente. Chapeau.

Terzi arrivano i Pinguini Tattici Nucleari, outsider come lo furono i “regàz” de Lo Stato Sociale. Poco nota al pubblico generalista, la band orobica è invece amata dalle nuove generazioni: infatti a guardar bene il cast sanremese, sono fra i pochi a riempire i palazzetti. Non a caso il loro live al Forum d’Assago del 29 febbraio è sold out da tempo.

“Ringo Starr” è una canzoncina divertente e divertita, metafora della solita “vita da mediano”, l’essere normali (anche un po’ sfigati, perché no?) in un mondo che ci vuole supereroi. Tema non nuovo (se ci pensate anche “Nessuno vuole essere Robin” di Cremonini gira intorno a quel concetto), ma svolto con simpatia, ironia, ritmo e un pizzico di goliardia. Un verdetto finale che, al netto dei gusti personali, mi sembra tutto sommato giusto.

Si chiude, quindi, il sipario su un Sanremo di discreto livello, dove non sono mancate le buone canzoni e dove le peggiori sono quasi finite tutte nelle retrovie della classifica. Adesso, come sempre, toccherà a vendite, streaming e visualizzazioni dire l’ultima parola. E non è difficile prevedere un pronto riscatto, in tal senso, per l’esuberante Elettra Lamborghini e la sua “Musica (e il resto scompare)”, già in odor di tormentone radiofonico.

Al prossimo anno, al prossimo Sanremo.